Marco Valerio Marziale Benvenuti in www.marziale.com
     
IX, 27
Cum depilatos, Chreste, coleos portes
et vulturnio mentulam parem collo
et prostitutis levius caput culis,
nec vivat ullus in tuo pilus crure,
purgentque saevae cana labra volsellae;
Curois, Camillos, Quintios, Ancos,
et quidquid umquam legimus pilosurum
loqueris sonasque grandibus minax verbis,
et cum theatris saeculoque rixaris.
Occurrit aliquis inter ista si draucus,
iam paedagogo liberatus et cuius
refibulavit turgidum faber penem,
nutu vocatum ducis, et pudet fari
Catoniana, Chreste, quod facis lingua.

V, 34
Hanc tibi, Fronto pater, genetrix Flaccilla, puellam
oscula commendo deliciasque meas,
parvola ne nigras horrescat Erotion umbras
oraque Tartarei prodigiosa canis.
inpletura fuit sextae modo frigora brumae,
vixisset totidem ni minus illa dies.
inter tam veteres ludat lasciva patronos
et nomen blaeso garriat ore meum.
mollia non rigidus caespes tegat ossa nec illi.
terra, gravis, fueris: non fuit illa tibi.

I, 18
Cui legisse satis non est epigrammata centum,
nil illi satis est, Caediciane, mali.
IX, 27
Cresto, i coglioni tu te li depili;
come collo di vlture il tuo cazzo;
pi raso il capo tuo d'un culo a nolo;
sulle tue gambe non ha vita un pelo
e la pallide gote crudelissime
pinze ti purgano. In fiero cipiglio,
Anco, Numa, Camillo, Quinto, Curzio,
tutti i gloriosi patres tu concelebri
ed ai teatri e al secolo minacci.
Se, a questo punto, scorgi un ragazzino
svezzato appena dal maestro e appena
scappucciato nel cazzo prorompente,
basta un cenno e tu subito lo porti,
Cresto, con te. Su ci che imprende allora
tua catoniana lingua resto muto.

V, 34
A te, padre Frontone, a te Flaccilla,
amata madre, affido questa bimba,
delizia mia, mio bacio: ch le negre
ombre non atterriscano la piccola,
povera Erotion, n l'orrida fauce
della belva del Tartaro. Sei giorni
soltanto le bastavano a varcare
il sesto dei suoi inverni. Giochi in pace,
da voi, gravi per gli anni, custodita;
e il mio nome, insicura, la sua bocca
pigoli ancora a lungo dolcemente.
Lieve la gleba copra le sue ossa
fragili. Terra, non gravarle addosso:
quando era in vita, ti sfiorava appena.

I, 18
Chi di cento epigrammi alla lettura
sazio non sia, del male non si sazia.
Indietro