Marco Valerio Marziale Benvenuti in www.marziale.com
     
XII, 35
Per ostentarmi la schiettezza tua,
spesso mi dici che ti fai inculare,
Callýstrato, ma schietto non ti credere:
chi ammette tali cose, il peggio cela.

XII, 42
Afro, duro fra i maschi, ha preso in moglie
il barbuto Callistrato, con rito
non diverso da quello che la vergine
lega al marito. Guizzarono faci
era velata la sposa, a Talasso
s'elevarono cantici. LA dote
era giÓ stabilita. Non ti sembra,
Roma, che sia normale questa coppia?
O aspetti pure che ti faccia un figlio?

XI, 28
NÓsica, il pazzo, abbranca il servo d'Eucto,
l'alienista, e l'incula. Ma Ŕ sanissimo!

IV, 48
A farti fare il culo tu ci godi,
PÓpylo, ma poi piangi. Ti lamenti
d'aver quel che hai voluto e pentimento
dell' oscena prurigine ti prende?
O invece non sei sazio e perci˛ piangi?
Indietro